Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.



CRITERI DI DETERMINAZIONE DELLE INDENNITÀ

(scarica il formato pdf)

* * * * * *

A) L’indennità comprende le spese di avvio del procedimento e le spese di mediazione.-

B) Ciascuna parte è tenuta a corrispondere le spese di avvio del procedimento di mediazione, pari ad € 40,00 oltre IVA se dovuta. Parte istante è tenuta a versarla contestualmente al deposito della domanda di mediazione, mentre la parte chiamata alla mediazione solo al momento dell’adesione al procedimento di mediazione.-

C) Nel caso di adesione della parte chiamata alla mediazione, ciascuna di esse, in solido con l’altra, è tenuta al pagamento delle spese di mediazione per l’importo indicato nella Tabella sotto riportata.-

D) L’importo delle spese di mediazione determinato secondo la tabella delle indennità deve essere aumentato nei seguenti casi:

  1. fino ad un quinto nell’ipotesi di particolare importanza, complessità o difficoltà della mediazione;

  2. fino ad un quarto nel caso di successo della mediazione;

  3. fino ad un quinto nel caso di formulazione della proposta di mediazione di cui all’art.11 del D.Lgs;

E) L’importo delle spese di mediazione determinato secondo la tabella delle indennità deve essere ridotto nei seguenti casi:

  1. Nelle materie di cui l’articola 5,comma 1 D.M. 180/2010 deve essere ridotto di un terzo per i primi sei scaglioni e della metà per i restanti della tabella A di cui al D.M. 180/2010.Viene fatto salvo l’aumento di un quarto nel caso di successo della mediazione, di cui al punto due della lettera D dei presenti criteri.

  2. L’importo deve essere ridotto a € 40,00 per il primo scaglione e a € 50,00 per tutti gli altri scaglioni, di cui alla suddetta tabella A del D.M. 180/2010, nell’ipotesi in cui nessuna delle controparti di quella che ha introdotto la mediazione, partecipa al procedimento.

F) Il valore della lite deve essere indicato nella domanda di mediazione. Qualora il valore risulti indeterminato, indeterminabile, o vi sia una notevole divergenza tra le parti sulla stima, l’organismo decide il valore di riferimento, sino al limite di € 250.000, e lo comunica alle parti. In ogni caso, se all’esito del procedimento di mediazione il valore risulta diverso, l’importo dell’indennità è dovuto secondo il corrispondente scaglione di riferimento.-

 

ALLEGATO A

Tabella delle indennità

Valore della lite Spese a carico di ciascuna parte

Fino ad €.1.000,00 €. 65,00

Da €.1.000,01 ad €.5.000,00 €. 130,00

Da €.5.000,01 ad €.10.000,00 €. 240,00

Da €.10.000,01 ad €.25.000,00 €. 360,00

Da €.25.000,01 ad €.50.000,00 €. 600,00

Da €.50.000,01 ad €.250.000,00 €.1.000,00

Da €.250.000,01 ad €.500.000,00 €.2.000,00

Da €.500.000,01 ad €.2.500.000,00 €.3.800,00

Da €.2.500.000,01 ad €.5.000.000,00 €.5.200,00

Oltre €.5.000.000,01 €.9.200,00

Le voci indicate si intendono Iva esclusa.-

 

 

BACHECA

Orario di apertura:

dalle 09:00 alle 12:00

Numero Fax

0923 1876699

IBAN ACM SRL:

IT 56 U 01030 25900 000000796936

Moduli PDF editabilli

Sono disponibili nell'area Moduli online i modelli PDF editabili

Ricerca Partners 

ACM ricerca partners per l’apertura di sedi secondarie o centri di raccolta. É possibile, inoltre, instaurare rapporti di collaborazione e/o convenzioni. Per maggiori informazioni rivolgersi ai Responsabili dell’Organismo.